Trieste, lasciami

Questa poesia (qui ridotta in corpo 14 per esigenze di impaginazione) è apparsa sul numero di maggio 2016 di Fare voci – Giornale di scrittura. • Trieste     ancora tu e il tuo vizio di non passare come mi resti addosso anche nel vento degli anni     sempre accalcata sul tuo orlo neanche aspettassi la folata buona […]

Read More Trieste, lasciami

primule al bordo del binario anche dopo l’investimento Immagine: BerndH

Read More

Scendendo dal treno del mattino

Vorresti fare qualcosa di questo sonno così buono anche solo a vedersi:                                                             la testa settantenne che ciondola, la mano vicina che tocca la spalla: signora, scende forse alla prossima?:                                                     il solo modo mai smesso dei bambini che eravamo, quasi non avessimo disimparato la pace, dormire pure accartocciati fra braccioli di acciaio (c’è chi odia il sonno benedetto dall’uomo: […]

Read More Scendendo dal treno del mattino

Stallo

La gamba restava indietro. Il dolore era partito dalla schiena e una volta sceso fino al polpaccio aveva posto lì la sua sede, diventando peso e inerzia. «Sciatalgia» aveva detto il dottore. Ma la parola definiva soltanto, tautologicamente; non spiegava e soprattutto non curava. Finché la gamba si fermò, e il corpo proseguì oltre. O […]

Read More Stallo

Nebbia

Non c’era più mondo fuori dalla finestra. La piccola Emma, che al tavolo della colazione era solita tendere le braccia al nuovo giorno, fu la prima ad accorgersene. «Più», esclamò. Papà e mamma si alzarono in fretta per controllare. «Non è rimasto proprio nulla» disse la mamma. Oltre il graticcio fiorito del balcone, dove fino […]

Read More Nebbia

La curvatura dell’io

Originally posted on perìgeion:
di relatività generale, poesia e strani anelli ⤺  1. Il 25 novembre dello scorso anno ricorreva il centenario della pubblicazione della famosa equazione di campo di Einstein1: di cui un’ottima parafrasi in lingua corrente è certo quella di John Archibald Wheeler2: Lo spazio-tempo dice alla materia come muoversi; la materia…

Read More La curvatura dell’io

Sostiene Potato

Poetry must not tell me the thing; poetry must be the thing. La poesia non deve dirmi la cosa; la poesia dev’essere la cosa. J. A. Potato, da Le felicità, ovvero un libro divertente che non leggerò mai più

Read More Sostiene Potato

Primavera. Quattro quartine

Questa poesia è stata trasformata in un libro d’artista da Glenda Sburelin, per Libri diversi 8: quattro scatoline che si aprono su altrettanti mondi, popolati di semi di soffione che l’elettricità statica fa sembrare vivi. i Oggi brezza alle finestre della mente posso contare tutte le mie cellule per brillare finalmente     come brilla la colza oltre la lama […]

Read More Primavera. Quattro quartine

Il concorso

C’è un nuovo concorso per essere assunti all’INAF. Lo scritto si svolge in un salone della casa dello studente di Trieste; la consegna dello scritto è sviluppare due racconti brevi su un tema prestabilito e rispondere a una domanda aperta. Mi frego le mani dalla soddisfazione. Questa volta vinco io. Perdo una buona mezz’oretta a […]

Read More Il concorso

Leopardate

Mi è rispuntata fuori dal cassetto questa roba, inediti di un qualche oscuro anonimo del diciannovesimo secolo, che diligentemente avevo copiato da un’antologia rubata a una bancarella: e che mi valse, lo scorso novembre, forse il più immeritato dei pochi premi che ho vinto. Ve la ammannisco così com’è, senza diluirla. Buona digestione. • L’infradito Sempre […]

Read More Leopardate

Hai voluto la bicicletta

Ieri la mia amica Giulia ha attirato la mia attenzione su un delizioso brano di prosa argomentativa. È un dialogo fra un ciclista e un uomo comune sulla possibilità che le biciclette vadano in autostrada. Il ciclista si lamenta perché vorrebbe andarci; l’uomo comune gli fa presente con garbo che l’autostrada è pensata per le macchine; […]

Read More Hai voluto la bicicletta

Grazie Griffin

Originally posted on perìgeion:
? ? Il primo febbraio del 2015 nasceva Perigeion. Nacque da un’intuizione di un uomo fuori dall’ordinario che, basandosi solo sul suo istinto, mise in relazione un gruppo di persone attorno a un progetto nel quale riversare il suo amore e la sua passione. Come il più generoso degli amici,…

Read More Grazie Griffin

Tempi in cui è dura dirsi cristiano

↖︎ e non cristiano soltanto, ma cristiano cattolico apostolico romano tempi in cui la tua Chiesa, che ami se non altro per averti accolto e cresciuto, e continua a farlo, ↖︎ Chiesa che sei abituato a considerare nella doppia natura di comunità di fratelli e di madre apprensiva, che sorveglia dall’alto, e comanda e redarguisce […]

Read More Tempi in cui è dura dirsi cristiano

tutti a cinquanta: passa la polizia che va a settanta Immagine: Yue Minjun

Read More

170 sillabe

Oggi la redazione del blog Cinquesettecinque, che collabora con l’Associazione Italiana Haiku (AIH) e la European Haiku Society (EHS), ha gentilmente pubblicato 10 haiku di me medesmo. È un blog colto e curato. Vi consiglio di leggiucchiare in giro, c’è gente molto più valida di me.

Read More 170 sillabe

Recensito!

I simpatici Peoti del Pasgravio hanno deciso di aprire il loro blog con un’originale recensione di alcuni testi di me medesmo, tratti dall’antologia Zenit poesia dello scorso anno. E questo prima ancora che ci conoscessimo: non posso che dirmi onorato di tanta disinteressata gentilezza. Vale la pena di darci un’occhiata.

Read More Recensito!

Bilancio del 2015

Nel 2015 ho letto quarantotto libri. Ho anche finito di leggere due libri iniziati nel 2014 (la Bibbia e Guerra e pace) e ne ho cominciati due che devo ancora finire (le Poesie di Patrizia Cavalli e Il Milione). In tutto cinquantadue titoli. Ho circa rispettato l’obiettivo di leggere un libro alla settimana. Il simbolo ✍ prima […]

Read More Bilancio del 2015

Vocabolario completo di Emma a 18 mesi e quattro giorni

In disordine alfabetico. • mamma s.f. – 1. Mamma. 2. (estens.) Chiunque svolga in vece della mamma i compiti di accudimento primario (papà, nonni, ecc.) papà s.m. – 1. Papà. 2. Giancarlo Giannini (com’era negli anni ’70). nonno, nunnu s.m. (f. -a, pl. -i, a volte invar.) – 1. Nonno. 2. Lev Nikolaevič Tolstoj (1828-1910). 3. (estens.) Chiunque sfoggi una barba […]

Read More Vocabolario completo di Emma a 18 mesi e quattro giorni

24 dicembre 1818

«Ma ditemi, Joseph, se avesse risposto di no, che cosa sarebbe successo?» Il cucchiaio del reverendo Mohr si fermò a mezz’aria. «Lo sapete che non sono un teologo, caro Xaver.» «Ma siete un uomo. E un prete. Certe domande dovete pur esservele poste, una volta o l’altra.» «Certo non la vigilia di Natale.» «Proprio la […]

Read More 24 dicembre 1818

Calendario d’avvento

Quest’anno Jim mi ha mandato un solo racconto, questo. (Mi ha chiesto di firmarlo Yehuda Ben Yeshu, cosa che mi guardo bene dal fare.) Se volete farlo contento, ditegli che è più bello dei miei – una bugietta non ha mai fatto male a nessuno. • Arrivarono gli elfi, simili a boy scout: piccoli, petulanti, pustolosi. […]

Read More Calendario d’avvento

Dentro l’armadio

Primo pastore – L’otto dicembre è passato. Io dico che ci lasciano qui. Secondo pastore – Non è possibile. Terzo pastore – Sarebbe la prima volta. Secondo pastore – Eppure rumoreggiano. Pecorella – Perché rumoreggiano? Altra pecorella – Già, perché? Primo pastore – Non riesco a sentire. Terzo pastore – Voialtri che siete più vicini, […]

Read More Dentro l’armadio

Annunciazione

Alle sei di sera Maryām è vestita per uscire ma non sta bene. Telefona ad Alyassa. Alyassa non risponde. L’appuntamento è per le sei e mezza a République. C’è un tubetto di pastiglie sopra il tavolo, sempre le stesse. Maryām ne prende una e si distende sul divano senza togliersi la giacca. Conta fino a […]

Read More Annunciazione

Fuori dalla fantasia del terrorista

il concerto ha un’ultima nota nel silenzio che è continuazione, risalgono le luci, gente esulta si esce per le porte, non per le finestre il vento fa tintinnare due bicchieri non infranti sul tavolino all’aperto passa inascoltato il telegiornale della sera e le previsioni del tempo l’innaffiatore si accende sul campo da gioco deserto gente […]

Read More Fuori dalla fantasia del terrorista