Passeggiate di maggio

svegliano gli occhi due ciclamini bianchi dietro la grata

cercando l’ombra: una lucertola mi batte sul tempo

gradini su cui suonano ancora passi di dieci anni fa

campanello senza nome: la chiocciola ferma su un sasso

per tredici anni questa quercia ha aspettato il mio non-ritorno

bosco di monte Valerio: il mio Totoro abita qui

Annunci

4 pensieri riguardo “Passeggiate di maggio

    1. Grazie! La scelta del monoverso è filologica: in giapponese gli haiku si scrivono tutti di seguito. Un vezzo recente: forse a un certo punto mi stancherò. Senza gli a capo, però, sono costretto a sorvegliare di più la sintassi: il che è un bell’esercizio.

  1. Non mi sembra corretto. Gli haiku in Giappone sono formati da tre versi di: cinque sillabe; sette sillabe e di nuovo cinque sillabe. In Italia non si rispettano i canoni tradizionali degli Haiku. Questo succede perché nei vari volumi sugli Haiku la traduzione dal giapponese non può rispettare questi canoni. Comunque Haiku o no i tuoi versi sono magnifici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...