Otto minuti

La verità
è che nemmeno vi odio. Una discesa senza contraccolpi.
Per il suo bene, comandante, non si spelli le nocche.
Nella mia vita ho quasi coltivato un sogno, ho quasi
amato una donna. Velivoli pericolosi i desideri.
Racconteranno che ero depresso e sbaglieranno.
Conoscete quel senso, quando la testa è rivoltata
ad esporre il suo interno? So qualcosa del male:
mio cugino tiene il sacco con i nuovi nati
della vecchia Nelli e dice non lo faccio
soltanto se mi supplichi in ginocchio.
Centocinquanta è un bel numero tondo.
Chi sa pregare a capofitto è il momento
di cominciare. A ben vedere Z è implicito
nel fatto che A si possa pensare, dunque
siamo tutti innocenti. La sento, comandante,
solo un attimo, finisco quel che sto facendo.
E per fortuna non ho un dio che sottoscriva
le mie azioni con il sangue dei suoi figli.
Ventimila, quindicimila, diecimila. Prosit.
Che il cielo sia vicino alla terra è vero
ma non nel senso che intendono i preti.
L’A320 si guida veramente con un dito. Voi cari
che osservate da casa nella quiete del troppo tardi
fatevi raccontare il superfluo per filo e per segno,
fatevi mostrare se potete le mie foto da bambino.
Torre di controllo, non ora, sono concentrato.
Lo ripeto: non ce l’ho con voi. Salendo
vi ho osservati attentamente ad uno
ad uno e ho sorriso da regolamento.
Anche a nonna Else e a Mr Big D.
e a quella mora niente male
con un neonato al collo. Se ci penso
mi sento quasi male e la parola chiave
è quasi. Farò del mio meglio, lo prometto
perché resti solo polvere delle scatole
nere come della mia testa.
Ma si scriva nella pietra
che nessuno leggerà: non ero
fuori di me, non volevo dire
nulla, non c’è un perché,
l’ho fatto perché potevo
e in questo è l’abominio
che ci elegge sopra gli angeli,
sotto le scimmie. Non ho scelto,
non ho atteso. Sant’Andrea, ora pro no
bis. Comandante,
ora potrei anche
farla entrare, ma è destino che sia io
a raggiungere per primo
il suolo. La verità
è che non vi odio
nemmeno. Sono
per ultimo istante
quasi vivo.

Respiro.

Annunci

4 pensieri riguardo “Otto minuti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...