“Cossa vustu che te diga”, di Giacomo Sandron

Sono passati più di due anni da quando ho sentito Giacomo Sandron leggere Lato destro. Ricordo la folgorazione. Sembrava di ascoltare una macchina per leggere: la voce dell’autore si muoveva avanti e indietro come un pistone, spingendo e rilasciando le frasi, inceppandosi e riprendendo. Ridevamo tutti. Era esattamente il riso di Bergson: una reazione di fronte alla ripetizione innaturale di un gesto, alla vita che diventa meccanismo.
La poesia in questione, che compare anche in questo nuovissimo Cossa vustu che te diga (Samuele Editore, Pordenone, 2014) col sottotitolo Te va ‘vanti come prima fin al fis-cio dea sirena, è effettivamente la descrizione di un meccanismo: una serie di operazioni alla catena di montaggio per produrre un pezzo di cui non si capisce bene se funzioni e a cosa serva. Notiamo due cose: primo, Sandron non spiega, mostra. Anziché dirci che la fabbrica è alienante e che la vita ridotta a processo non è vita, preferisce farci provare direttamente l’esperienza, anche solo per due minuti. Secondo, non usa la propria voce ma quella di un altro (il caporeparto, in questo caso). Non so fino a che punto si tratti di una trascrizione esatta, ma di sicuro è credibile. Il poeta, ossia l’ascoltatore, colui che dovrà mettere in pratica le istruzioni, pare quasi scomparire.
Continua a leggere su perìgeion

Cossa vustu che te diga

Giacomo Sandron, Cossa vustu che te diga, Samuele Editore 2014
Prefazione di Fabio Franzin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...