L’ultima casa

Nella casa che attende l’eternità
ci incontreremo ancora.

Siedi, prenditi un po’ di tempo.

Ti ricordi? Abbiamo provato
a vivere ed è stato
un continuo infilare una maglia a rovescio.

Bevi qualcosa.

E tu parlavi, parlavi, e non capivi
come mai non sbucasse il bandolo
tutt’a un tratto, ecco, tiriamo un filo
e ogni cosa va a posto.

Ti perdonavo. Avevi buone intenzioni.

Sempre ci perdonavamo l’un l’altro
e non perdonavamo noi stessi.

Ma ora qui è pace almeno.
Mangia qualcosa. Non passare.
Abbiamo portato un peso, ed era lieve
più del nulla che ci è dato di qui in avanti.

È mercoledì. Mancano infiniti giorni
alla fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...