Le scarpe

Le scarpe lo amavano o lo odiavano? Al momento di indossarle erano sempre strettissime. Neanche con il calzascarpe riusciva a infilarsele. Doveva allentare pazientemente i lacci attraverso gli occhielli, uno ad uno, sollevare la linguetta, pungolare la tomaia finché questa non si rilassava, e solo allora poteva sperare di farvi entrare i piedi. Ma anche in questo caso si trattava di una vittoria temporanea. Se all’inizio le scarpe calzavano bene, col passare dei minuti tendevano nuovamente a serrarsi, senza compromessi, fino ad ostacolare la normale circolazione sanguigna. A quel punto il difficile era togliersele… Le scarpe cercavano in tutti i modi di manifestare una volontà, questo era evidente; ma quale fosse questa volontà rimaneva un mistero. Si sentiva al tempo stesso bramato e respinto. Non poteva fare altro che guardarsi i piedi sconsolato, mentre li sentiva soffrire nell’abbraccio angusto del cuoio. Questo succede a non coltivare adeguatamente una relazione, pensava. Sono anni che passeggio assieme a queste scarpe, spesso per giornate intere, eppure non sono ancora in grado di capirle. Ad essere onesto con sé stesso, doveva ammettere di conoscerle appena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...